Assunzioni Starbucks Roma Milano: lavora con noi

Quante volte abbiamo parlato dello sbarco in Italia di Starbucks? Tante. Ora sembra essere arrivato davvero il momento giusto. Starbucks, per la gioia degli amanti del caffè e dintorni, apre in Italia. Sarà necessario selezionare il personale che lavorerà nei locali a Milano e a Roma. L’apertura di Starbucks in Italia è prevista per ora solo nelle due grandi città. E chissà, se il successo sarà quello che in tanti sperano, magari ci saranno anche altre nuove aperture in futuro. Diamo per scontato che tutti sappiamo che cos’è Starbucks, ma forse non è così: è un’importante catena internazionale di caffetterie con sede a Seattle. Il primo negozio Starbucks fu aperto nel 1971. A quasi 50 anni da quel primo cafè, oggi sono quasi 20mila in tutto il mondo. Non è solo un “cafè”, è anche luogo di relax e magari di lavoro, per le reti wi-fi efficienti, la varietà di prodotti e per essere un luogo ideale dove sostare con gli amici o per darsi un appuntamento. Ecco tutte le informazioni sulle offerte di lavoro da Starbucks.

Assunzioni Starbucks Roma Milano

Come è strutturato lo sbarco di Starbucks in Italia? Va specificato che è il noto gruppo Percassi, realtà leader nel settore retial e non solo, il partner dell’insegna americana nel nostro Paese. Percassi è il gruppo di Kiko, azienda di cosmetici, di Bullfrog, Womo e Madina, con interessi anche in tanti centri commerciali. Percassi si è occupato anche di numerose aperture in Italia di altri marchi internazionali prima di Starbucks, come Lego e Victoria’s Secret. L’apertura di Starbucks a Milano e a Roma è attesa per il 2018, se tutto andrà come previsto. Le agenzie di stampa hanno recentemente scritto che finalmente i tempi per le prime aperture Starbucks in Italia sono Due aperture a Roma e tre aperture a Milano. Nella capitale italiana gli Starbucks sorgeranno vicino a Piazza di Spagna e vicino a Roma Termini. A Milano il marchio noto per il Frappuccino inaugurerà nel 2018 una mega caffetteria all’interno dell’ex palazzo delle Poste in piazza Cordusio. E’ un inizio, che potrebbe lanciare il marchio anche in Italia. Non è follia pensare ad almeno 150 caffetterie Starbucks nelle principali città italiane, se tutto andrà per il meglio. Si creerebbero in tal modo moltissimi posti di lavoro. Starbucks nei prossimi 5-6 anni potrebbe aprire in Italia persino tra i 2 e i 300 punti vendita “se il mercato risponderà bene” ha spiegato Antonio Percassi.

Lavorare da Starbucks in Italia

Starbucks è nota per dare una chance anche a giovani senza esperienza. Le posizioni aperte solitamente sono per baristi, camerieri, cassieri e responsabili. Nei colloqui di lavoro Starbuck all’estero le domande sono del tipo: “Puoi raccontare una volta quando hai lavorato bene in un gruppo?” o “Puoi raccontare quando hai visto un ottimo esempio di customer service?” Proprio l’aspetto customer service, l’attenzione al cliente è fondamentale per ottenere un posto di lavoro da Starbucks. Nel caso il colloquio venga superato si viene chiamati per un giorno di prova. Come molte altre realtà della ristorazione, anche in Starbucks si parte magari come baristi e si può fare carriera nel giro di poco tempo diventando manager della caffetteria. E’ un’azienda molto dinamica.

Starbucks Roma Milano lavora con noi

“Sappiamo che stiamo per affrontare una sfida unica, con l’apertura del primo punto vendita Starbucks in Italia, il paese del caffè, e siamo certi che gli italiani sono pronti a vivere l’esperienza Starbucks, come già avviene in molti altri mercati”, ha detto in passato Antonio Percassi, presidente della gruppo Percassi. In Italia la sfida è grande, per la particolare tradizione italiana riguardante il caffè, su cui gli italiani sono da sempre molto preparati. In tanti aspettano notizie sull’arrivo di Starbucks in Italia anche per candidarsi in vista delle assunzioni. Per sapere quando sarà il momento di inviare la candidatura per lavorare da Starbucks a Milano e a Roma dovete visitare spesso nei prossimi mesi questa pagina sul sito del gruppo Percassi. Buon lavoro a tutti!